The Red Wing di Hickman – Recensione.

The-Red-Wing

Magari a molti di voi non piacciono le mie recensioni, poiché forse, un po’ troppo superficiali e veloci. Lo ammetto, ma credo che un’analisi troppo approfondita di un fumetto, film o quello che vi pare sia troppo invasiva della privacy mistica del lettore. Capiamoci i tanti studi letterari mi hanno convinto che il vero critico è il lettore e non chi critica poiché, la mia visione è di parte dettata da gusti personali. Esempio, non recensirò mai il Trono di Spade perché è lungo, perché seguo pochi telefilm e perché non mi piace il fantasy. “Ma caro autore il TDS non è fantasy”, lo so ma a me gli immaginari medievali non piacciono, magari mi ricrederò.redwing2

Hickman lo conosco di nome, per le serie Ultimates della Marvel, ma io odio le continuity e le regular series non a caso leggo o one shots o  serie brevi o cicli prodotti in volumi, vedasi il Flash di Johns. Carino questo Red Wings, molto semplice senza intoppi o visioni mistiche, forse ai più il fatto che non ci sia una trama disorienta.

Ha ragione il lettore in questo caso, ma personalmente, mi va bene che non ci sia una trama, l’importante è che i fatti abbiano senso. Agli americani, mi duole dirlo, le tematiche profonde sul tempo non vengono bene, siamo occidentali per noi il tempo è lineare e finita la vita finisce tutto, certe tematiche vengono benissimo ai giapponesi ed opere come Blame o i cicli di Matsumoto gli americans se li sognano.  Personaggi, però,  come Batman o gli X men i giapponesi pure se li sognano, ci hano provato con qualche supereroe ma gli viene proprio male. Hickman con questa roba sta nel mezzo tra americani e giapponesi, il tempo circolare o la sovrapposizione di layer temporali.

Cosa ho capito di questo Red Wing? Sintetizzo la trama secondo me:

E se un figlio nel futuro avesse progettato una tecncologia che permette di viaggiare nel tempo e torna indietro per far bene all’umanità in una linea temporale mentre nell’altra linea  lui prosegue la vita futuristica per poi distruggere (forse ) il mondo e se in quella linea temporale passata il padre usufruisse della tecnologia del figlio senza sapere che è il figlio ed a sua volta si trova in un passato dove forse involontariamente cambia le sorti del futuro?

Si è tosta. Questo almeno è quello che ho capito io.

Buona lettura.

Sufficiente ma troppo breve, due numeri ci stavano ancora.

Net up: Batman e Ninja Turtles (un po’ di svago ci va ogni tanto)

index

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...