Hulk – Trasformati o muori – Recensione

image_gallery

Trama dal sito dell’editore:

Ferito e privo di memoria, Bruce Banner si risveglia in riva alla Senna, e ben presto si trova costretto a fuggire per le strade di Parigi, inseguito da due misteriosi individui capaci di trasformarsi anch’essi in mostruose creature verdi. Chi sono? Chi li manda? E, soprattutto, come farà Bruce a sopravvivere se ignora persino l’esistenza del suo alter ego Hulk? Un’avventura d’autore scritta da Joe “Glory” Keatinge e disegnata da Piotr “Sex” Kowalsk

La mia opinione:

? Fine recensione.

Volevo ma non potevo. L’incipit promette bene. I disegni un po’ plasticosi ma glieli perdoniamo anche se la trasformazione di Hulk e i suoi muscoli tesi e quel volto demoniaco in qualche tavola risollevano le sorti di una storia anonima. Una storia che dovrebbe essere d’autore per quelli che amano gli stand alone e non seguono le serie regolari onde evitare di incappare in trame assurde e senza senso. Troviamo un Hulk a Parigi salvato da una ragazza. La ragazza non servirà a niente e riapparirà solo ala fine (Quindi che l’avete messa a fare). Un po’ di reticenza e 4 pagine di memoria persa, poi , pluf memoria tornata, devasto, spacca, i cattivi che appaiono , non si capisce che vogliono, non si capisce una mazza, non si capisce. Punto . Peccato. Dimenticabile gli diamo una stella solo per qualche tavola veramente bella. Il nulla. 9 euro da conservare.

Voto 1 su 5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...